Intestino irritabile - MOD

Vai ai contenuti

Menu principale:

Intestino irritabile

Patologia dimenticata che condiziona la vita

La sindrome dell’intestino irritabile non è una patologia, come si pensava, di natura psicologica ma una vera e propria malattia gastrointestinale con molteplici sintomi, di intensità e frequenza diverse, con periodi di relativo benessere che si alternano a fasi di riacutizzazione. Una pessima compagna che condiziona la  vita di molti pazienti: in Italia ne soffre più del 7% della popolazione, in prevalenza femminile.
Tensione e dolore addominali, meteorismo, stipsi o diarrea sono i sintomi da segnalare al medico, evitando l’uso di farmaci 'fai da te'.
“Sulle cause di questa patologia sappiamo ancora poco - fa presente Enrico Stefano Corazziari, docente di gastroenterologia all’Università La Sapienza di Roma - anche se alcuni studi ipotizzano una disfunzione del sistema immunitario e altri puntano il dito sulla ipersensibilità viscerale presente in alcuni pazienti”.
L'argomento è stato discusso in occasione di un convegno all'Istituto Superiore di Sanità, promosso da Public Health & Health Policy, una rivista di economia e politica sanitaria, presenti i massimi esponenti della gastroenterologia italiana.
Il quadro sanitario della Sindrome dell'intestino irritabile, a detta dei partecipanti al convegno, è caratterizzato da diagnosi il più delle volte tardive perché i sintomi inizialmente non sono tenuti nella dovuta considerazione dai pazienti e anche dai medici di base. E' quindi fondamentale che questa patologia 'dimenticata' sia oggetto di attenzione da parte del Servizio sanitario nazionale, rendendo agevole l’accesso a specifici percorsi diagnostico-terapeutici e nei casi più gravi alle ultime terapie disponibili, risparmiando notevolmente sui costi dei ricoveri ospedalieri.

Raffaella Doyle
Pubblicato il 3 luglio 2017
Torna ai contenuti | Torna al menu